NordEst : Per Porti e Imprese opportunità e criticità della “via della seta”

“Porti e Imprese  del Golfo di Venezia nella One Belt One Road : Quali opportunità per il nordest? “ Questo il tema dibattuto dall’ International Propeller Club Port of Venice  al centro congressi della Venezia Terminal Passeggeri presenti i rappresentanti dei Club di Ravenna, Mantova, Monfalcone e Trieste. Autorevoli i relatori  introdotti dal presidente del Sodalizio cav. Massimo Bernardo che ha ricordato come  prioritario ad ogni accordo economico/ commerciale tra i 68 Paesi aderenti al Belt and Road Initiative (BRI) , cioè alla “via della seta”,  dovrebbe essere il dialogo culturale, armonizzazioni legislative, ecc. ecc.

“ Mi chiedo infatti – ha esordito Bernardo –  se uno dei grandi quesiti della “One Belt one Road”  a cui dovremmo necessariamente tutti  dover rispondere non sia quello che riguarda l’indispensabile dialogo tra culture diverse, queste sono sì  collegate nella stessa “cintura” – la belt – da esclusivi  interessi economico-finanziari , oggi troppo  spesso gestiti a livello ragionieristico  – ma ancora  lontano nella “ road” – cioè in quella  stessa virtuale  “strada” che unirà l’est e l’ovest del mondo  –  da quell’osmosi culturale che sta alla base  della  vera crescita economica   per raggiungere  l’unico vero comune obiettivo,  stavolta,   rappresentato dal maggiore benessere e, non solo, economico ma  soprattutto sociale,  per tutti “ – L’iniziativa BRI o Via della Seta e’ una strategia aperta e in continua evoluzione – ha affermato Riccardo Fuochi presidente dell’Associazione Italia-Hong Kong e del Propeller Port of Milan –  In aggiunta ai 6 corridoi proposti da Xijinping nel 2013, si stanno realizzando nuove iniziative anche in Paesi geograficamente collocati al di fuori della “via della seta” .Investimenti in Africa, Sud America , Australia evidenziano la globalità dell’iniziativa. Secondo l’Asian Development Bank, 45 Paesi asiatici dovrebbero investire 26,000 miliardi di dollari entro il 2030 per la realizzazione di infrastrutture soprattutto nel settore energetico e logistico. C’è’ quindi spazio per le aziende Italiane in ogni settore. Industria, commercio, logistica , costruzioni, turismo, servizi professionali. L’Italia e’ tra i soci fondatori dell’AIIB , dotata di un capitale finanziario di oltre 100 miliardi di usd. . L’AIIB non e’ una banca cinese e quindi può essere un punto di riferimento per le imprese italiane che operano nelle aree geografiche di riferimento della banca.

In questo contesto i porti del Nord Est , al centro di una delle più importanti zone manifatturiere italiane possono diventare i terminali di riferimento della Nuova Via della Seta . E’ stata poi la volta di Alessandro Panaro Responsabile dell’Ufficio Maritime and Mediterranean Economy – Studi e Ricerche per il Mezzogiorno – il quale ha tra l’altro affermato : “Con i ritmi elevati di traffico che sta segnando il Canale di Suez (+11% nel 2017 sul 2016), l’aumento del traffico navale (+24% dal 2012 al 2016) e il ritrovato slancio di alcuni Paesi dell’Area Mena (Middle East e North Africa) il Mediterraneo sta ritrovando una nuova e più incisiva centralità in ambito marittimo mondiale. La Cina sta quindi insistendo con importanti investimenti in terminal e porti nell’area MED e questo deve lasciar riflettere su come e in che misura possiamo intercettare navi commerciali e intensificare le relazioni con il Dragone così da poter cogliere le grandi opportunità che scaturiranno per i nostri sistemi portuali. Occorrerà però mostrare alla Cina che il nostro sistema logistico e marittimo è efficiente, solido e forte e soprattutto coeso senza individualismi, campanilismi e senza debolezze.” Da parte sua il presidente di Confindustria Venezia- Rovigo Vincenzo Marinese rispondendo alla domanda del presidente del club su quali fossero le strategie degli industriali veneti rispetto al B.R.I.  ha testualmente  affermato “Il nostro non è un problema di soldi né di mercato  né di tessuto industriale che qui è forte .Oggi ci è stato rappresentato uno scenario  e sta soltanto a noi coglierlo .Vogliamo metterci a fianco del territorio  e dare il nostro contributo”. Ha poi concluso il suo intervento focalizzando l’imprescindibile complementarietà tra i porti di Venezia e quello di Trieste sottolineando l’esigenza  di realizzare quanto prima  un piano industriale che preveda zone franche, zone economiche speciali con incentivi fiscali, la ricollocazione del manifatturiero e la valorizzazione dell’export”. Da parte sua il segretario generale dell’Autorità Portuale di Sistema dell’Adriatico Nord orientale Mario Sommariva ha focalizzato il suo breve intervento sull’esigenza di una più stretta collaborazione tra i porti di Venezia e Trieste investendo sullo sviluppo infrastrutturale e della logistica mentre   il presidente dell’Autorità Portuale di Sistema dell’Adriatico settentrionale Pino Musolino ha ricordato come tra opportunità e criticità della “via della seta”  non si debba assumere “atteggiamenti remissivi” rispondendo pedissequamente alle richieste cinesi ma rispondere con chiare regole europee, attrezzando i nostri porti, anche rafforzando la collaborazione all’interno del N.A.P.A. ,  con infrastrutture e strutture  adeguate a ricevere   nuove linee marittime anche per navi di grandi dimensioni . Non solo full container  ma anche  per impiantistica e general cargo , traffici questi che vedono il porto di Venezia tra i più quotati scali adriatici.